Toscana 2018 - A.T.T.A.

A.T.T.A.
Associazione Trentina Tutela Anziani
Onlus
Menu
Vai ai contenuti

Toscana 2018

News


A.T.T.A. propone tour dei più bei BORGHI DELLA TOSCANA  con visita guidata dal 18 al 23 settembre 2018

PROGRAMMA DI MASSIMA
1° GIORNO
Ritrovo con il pullman e partenza per S. Gimignano. Circondata da mura del XIII secolo, il fulcro del suo centro storico è piazza della Cisterna, una piazza triangolare fiancheggiata da case medievali. Nella skyline di torri medievali (è chiamata la Manhattan del Medioevo) spicca la Torre Grossa in pietra. Passeggiata libera nel borgo e pranzo in ristorante. Pomeriggio ritrovo con la guida e visita a Volterra, bella località medioevale con il suo Palazzo dei Priori, in pieno centro i cui affreschi medievali sono splendidi e dal cui campanile si aprono panorami sconfinati. Il Duomo vanta un portale di ingresso in marmo e un soffitto a cassettoni dorato. Cena e pernottamento in hotel.
2° GIORNO
Prima colazione in hotel e trasferimento a S. Galgano dove attende la guida. Questa abbazia del XIII secolo si erge in mezzo alla campagna. Una volta entrati nella chiesa “a cielo aperto” lo spettacolo è d’avvero impressionante! Bellissima la sensazione che si prova stando al suo interno e guardando verso l’alto! Vicino troviamo poi l’Eremo di San Galgano in Montesiepi. E’ in questa chiesa a pianta circolare che è conservata la famosa spada nella roccia di San Galgano. Galgano era un nobile cavaliere di Chiusino che nel 1180 ebbe la sua vocazione e si ritirò sulla collina di Montesiepi per vivere in solitudine a contatto con Dio e la natura. E’ qui che egli conficcò la sua spada nella roccia, in segno di rinuncia alla guerra e all’uso dell’arma come croce davanti a cui pregare. Al termine trasferimento a Montepulciano per la visita alla cantina “città Sotterranea Ercolani”. La cantina e' situata in un edificio del centro storico da dove si accede a un percorso sotterraneo fatto di stanze antichissime con architettura medioevale. Degustazione/pranzo nella stessa e pomeriggio proseguimento con la visita a Montepulciano, una città medievale in collina. Circondata da vigneti, è conosciuta per il suo vino rosso Nobile. Nel suo centro troviamo la Torre di Pulcinella è una torre dell'orologio sormontata da Pulcinella, una delle figure della commedia dell'arte. Piazza Grande ospita il Palazzo Comunale del XIV secolo, con una torre che offre una vista sulla campagna circostante e il Duomo che espone un enorme trittico sull'altare. A fine pomeriggio trasferimento in hotel per la cena ed il pernottamento.

3° GIORNO
Prima colazione in hotel e trasferimento a Pitigliano.  Dopo innumerevoli curve, appoggiato su uno sperone di tufo appare: splendido borgo le cui case si confondono con la roccia sottostante e viceversa. Questa cittadina è uguale da secoli: un dedalo di vicoli che si susseguono, vicoli certe volte talmente stretti che una persona fa fatica a passarci. Qui ogni epoca ha lasciato un segno: etrusca, romana e medievale e qui ogni popolo ha scavato il tufo creando una città sotto la città: cunicoli, pozzi, tombe, cantine, colombari. Pranzo in ristorante e nel pomeriggio trasferimento a Saturnia dove sarà possibile vedere le famose cascate di acque termali che danno origine a questo incredibile spettacolo. Possibilità di un bagno indimenticabile. Cena e pernottamento in hotel.
4° GIORNO
Prima colazione in hotel. Trasferimento a Porto Santo Stefano dove ci imbarcheremo per raggiungere l’isola del Giglio. La giornata sarà dedicata alla visita di Giglio Porto e Giglio Castello, inserito tra i Borghi più belli d’Italia. A Giglio Porto, pittoresca località dalle case multicolori, meritano una visita la Torre del Saraceno, costruita da Ferdinando II nel 1596, e la Caletta del Saraceno con i resti, visibili a pelo d’acqua, della peschiera annessa alla villa romana dei Domizi Enobarbi. In breve con l’autobus locale si arriva nel borgo medievale di Giglio Castello, arroccato su una collina a 400 m sul livello del mare. Passeggiare a Castello significa lasciarsi accarezzare dal vento, assalire dal salino, incrociare l’azzurro tra scorci e vicoli suggestivi. Il dolce Tirreno, il mare degli etruschi, offre dalla strada esterna alle mura la visione delle isole Giannutri, Elba, Montecristo, Corsica e di un buon tratto della costa continentale. Eretto dai Pisani nel XII sec., più volte
ampliato e restaurato dai Granduchi di Toscana, Giglio Castello è ben conservato al suo interno. Le vie strette sormontate da archi, le scale esterne per accedere alle abitazioni, l’imponente Rocca Aldobrandesca (o Pisana) del XII sec. - oggi chiusa per restauri e visibile solo dall’esterno - donano all’abitato il fascino del borgo costruito in funzione difensiva, considerato il costante pericolo proveniente dal mare. Gli angusti spazi abitativi sono protetti da una possente cinta muraria d’impianto mediceo, intervallata da tre torrioni a pianta circolare. Le tre porte d’ingresso al Castello sono addossate a grossi massi di granito. Pranzo in ristorante e verso fine giornata con il battello si raggiungerà Porto Santo Stefano per poi recarsi in hotel per la cena e il pernottamento.
5° GIORNO
Prima colazione in hotel. Ritrovo al  Centro Aziendale di Spergolaia, sede operativa dell’Azienda Regionale Agricola di Alberese, dove si trovano interessanti annessi rurali tra cui la “selleria” e il Granaio Lorenese imponente struttura realizzata dagli Asburgo Lorena nel 1822 e rimasto in piena attività fino agli anni 80.
Si inizierà con la visita al locale “SELLERIA” dove si possono osservare tutte le originali attrezzature utilizzate dai butteri che sono i tradizionali mandriani che governano a cavallo le mandrie bovine e equine aziendali, ma soprattutto si potrà sentire, raccontate dai protagonisti (il capo dei butteri), le particolarità di questo antico mestiere che ancora oggi viene svolto nell’Azienda Regionale Agricola di Alberese. Sarà inoltre illustrata la storia della Tenuta di Alberese, dall’Abbazia di San Rabano ai nostri giorni con le spiegazioni delle attività aziendali e della gestione dell’allevamento brado.
Successivamente si potranno conoscere da vicino le VACCHE MAREMMANE dalle tipiche corna a lira e i robusti e instancabili CAVALLI MAREMMANI.
Alle ore 11.15 circa incontro con i BUTTERI a cavallo che rientrano alla selleria dopo una mattinata di lavoro con la possibilità di fare domande ai protagonisti che realmente, e non per i turisti, svolgono questo lavoro tutti i giorni.
Ore 11.30 fine visita al Centro Aziendale di Spergolaia
Ore 11.30 – 11.45 spostamento autonomo dal Centro Aziendale di Spergolaia al punto vendita Aziendale di Alberese
Ore 11.45 Avvio DEGUSTAZIONE AMBIENTALE presso il tradizionale punto di vendita dell’Azienda Regionale Agricola di Alberese posto nel centro della frazione di Alberese a 2 Km circa dal Centro Aziendale di Spergolaia. Degustazione dei vini aziendali che come è noto sono seguiti dal noto Enologo Giacomo Tachis. Nello specifico la degustazione sarà indicativamente la seguente:
- Castelmarino ALBERESE (IGT Vermentino);
- Scoglietto ALBERESE (IGT Rosato)
- Villa Fattoria Granducale ALBERESE (DOCG Morellino di Scansano)
- Pellegrone ALBERESE (DOCG Morellino di Scansano)
- Pane toscano con Salsa Maremmana Piccante ALBERESE BIO
- Pane toscano con Salsa Rustica ALBERESE BIO
- Pane toscano con Salsa pomodoro e basilico ALBERESE BIO
- Pane toscano con Olio extravergine d’oliva ALBERESE BIO
- Pecorini locali
- Salami locali
- Eventuale assaggio di piatto di stagione
- Acqua minerale
Possibilità di acquisto dei prodotti presenti nel punto di vendita con scontistica.
Pomeriggio passeggiata libera ad Orbetello. Entrando in città dall'estremità del centro storico provenendo dall'Argentario si percorre la diga fatta costruire da Leopoldo II nel 1842 e sulla sinistra potrete ammirare il mulino a pianta circolare. Al tempo degli Spagnoli i mulini erano 9 e servivano a macinare la farina per gli abitanti della città. Superato il Mulino troviamo il punto dove sono meglio conservate le mura etrusche a grandi blocchi poligonali del IV secolo a.c. Percorrendo corso Italia raggiungeremo piazza Plebiscito dove si trova il palazzo comunale e successivamente piazza Garibaldi sede del palazzo del governatore Spagnolo (XVII secolo). Rientro in hotel per la cena ed il pernottamento.
6° GIORNO
Prima colazione in hotel e trasferimento a Castiglione della Pescaia, dove incontreremo la guida. Si tratta di una rinomata località turistica in grado di racchiudere in sé tutte le caratteristiche della Maremma e le cui origini risalgono al periodo etrusco romano. L'antico borgo lontano dal traffico moderno, sembra sospeso nel tempo ed offre una bella vista sul mare circostante. Il Porto-Canale che collega il mare al centro storico, pullula di barche sportive di ogni dimensione, ma sono le barche da pesca, con il loro guizzante carico che attraccano ogni mattina a raccogliere una certa folla di turisti che vogliono acquistare il pesce ed i crostacei freschissimi. Pranzo libero e nel corso del pomeriggio inizio del viaggio di rientro.
Creato da Elena Isolan
Aggiornato da A.T.T.A. Trento
Via San Pio x 85
38122 Trento
0461/933773
 

 

C.F./P. IVA: 96051750220
atta.trento@gmail.com

Torna ai contenuti